Una foglia

Oggi diamo il via ad una nuova avventura fatta di scoperte, magia, stupore, fantasia e creatività. Da oggi, infatti, “Mamma mi racconti” ospiterà, con cadenza mensile, un’amica speciale che, attraverso i suoi racconti, ci farà vedere e scoprire cosa si può scovare oltre un racconto! Chiara è l’amica in questione e ci accompagnerà in questa avventura con una rubrica intitolata “Oltre le storie”: l’intento è quello di leggere oltre le righe di un albo illustrato per trarne ispirazione e proporre così piccoli e semplici attività creative per i bambini. Prima di farvi conoscere Chiara in modo diciamo più formale, vorrei presentarvela attraverso un suo scritto! Ecco allora il suo primo suggerimento…

 

Il primo libro di cui vi parlerò è “Una foglia” di Silvia Vecchini e Daniela Iride Murgia, edizioni Corsare.

IMG_4782

E’ la storia di una foglia gialla, una foglia di giko biloba, che decide di “prendere il vento” per iniziare il suo viaggio, “cose nuove e misteriose l’aspettavano”.

Io adoro il ginko biloba, è l’albero che mio marito mi ha regalato prima di sposarci, ed ora cresce, lentamente, nel nostro giardino. Sono alberi snelli, dalla chioma discreta, che generalmente passano inosservati ma che in autunno SBAM… esplodono di giallo e non puoi non sorridere davanti a questa festa di colore, le foglie paiono tante piccole bandierine, hanno una forma insolita e…simpatica che mi fanno sentire un solletico di felicità ogni volta che le vedo.

Ma torniamo al libro, un storia che a raccontarla potrebbe sembrare semplice e quasi scontata ma che a leggerla attraverso le sue immagini è di una bellezza rara e non di immediata comprensione.

Le illustrazioni di Daniela Iride Murgia sono magiche, ti fanno sentire la foglia che scricchiola, il rumore della ruota di bicicletta, i salti dei bambini e mi hanno immeditamente trasportato a Lisbona.

IMG_4784

Le immagini hanno dettagli sorprendenti ed il finale nasconde un messaggio visibile solo osservando l’ultima illustrazione, non menzionato nel testo scritto.

La prima volta che ho letto questo libro a scuola, l’ho mostrato facendo sbucare dalle pagine una vera foglia di ginko, è stata lei a raccontarci la sua storia. La cosa sorprendente è che, appena terminata la lettura, i bambini hanno manifestato una effervescente smania di correre fuori a cercare tesori e così è stato.

I loro occhi sono diventati attenti, sono nati sguardi lenti alla ricerca di qualcosa… prima di tutto di foglie gialle, ma la loro attenzione era catturata da piccole cose abbandonate (una carta di caramella, una perlina, un sasso speciale…) che, riposte nelle loro tasche, venivano automaticamente elevate allo status di oggetti preziosi. Io, ho sostenuto le loro esperienze, facendomi guidare da loro in nuove scoperte e rimanendo in osservazione delle loro scoperte.

Suggerimento operativo: uscire in natura, un parco, un giardino, un’aiuola del quartiere seppur nel loro piccolo, possono essere luoghi di meraviglia, munirsi di sguardi attenti ed un contenitore per riporre gli oggetti trovati (ma anche le tasche vanno benissimo!).

Una volta rientrati in casa, o a scuola, possiamo decidere cosa creare con gli oggetti raccolti, un esempio potrebbe essere fare una “corona” infilando alcuni oggetti in un laccio da scarpe come viene mostrato sulla copertina del libro.

 

Chiara

 

“Una foglia” di Silvia Vecchini e Daniela Iride Murgia, edito da edizioni Corsare, 2017.

Annunci

Una risposta a "Una foglia"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...