La principessa del sole

Non sono mai stata brava con le ricorrenze. Quando ero bambina è sempre stata mia mamma ad occuparsi di tutto: lei, possedendo la dote innata di ricordare tutte le date e le feste possibili, andava per tempo nei negozi e prendeva i pensierini da donare mentre io mi limitavo ad accompagnarla senza partecipare in maniera, diciamo, attiva.

Anche da più grandicella ho sempre avuto (ancora oggi) bisogno del suggerimento di mia mamma: “Ti ricordi Silvia che domani è il compleanno della nonna?“. Lascio a voi immaginare la mia risposta… L’unica ricorrenza che ricordo bene è la festa del papà, ma il trucco sta nel fatto che è il giorno prima del mio compleanno! Diciamo che il ricordarsi le date non è il mio forte, ma, si sa, nessuno è perfetto!

Devo ammettere, inoltre, che trovo certe festività un po’ forzate e che siano state create a scopo puramente commerciale, per questo non ne sono amante. Se voglio dimostrare l’amore o l’affetto ad una persona non credo si debba attendere un giorno prestabilito, ma lo si può e, anzi, lo si deve fare quotidianamente e soprattutto spontaneamente! Questo è uno dei valori che vorrei trasmettere anche ad Emma: un disegno, un bigliettino, un adesivo speciale, un braccialetto fatto da lei e donato un giorno qualsiasi della settimana vale più di ogni cosa al mondo!

Con questa premessa però non voglio certo sminuire la ricorrenza di oggi: la festa della mamma! La mamma… colei che è in grado di provare l’amore vero, quell’amore unico, indescrivibile e che solo una mamma può provare! L’amore di una mamma può far fare cose impensabili, a volte inspiegabili e quasi irreali!

Oggi, in occasione della festa della mamma e per omaggiarle per il loro infinito amore, vi voglio raccontare “La principessa del sole” di David Grossman ed illustrato da M. Rovner, un testo che narra di un segreto tra mamma e figlia e della loro complicità.

IMG_8543.JPG

“La principessa del sole” racconta di un viaggio, ma non di un viaggio tradizionale, bensì di un viaggio fantastico che una mamma dona alla sua bambina. Tutto ha inizio con una domanda che Noga pone alla propria mamma: “Mamma, se io sono una principessa, tu sei la regina?” ed ecco che la mamma rivela alla figlia un segreto: “Una volta all’anno io sono la regina del sole e, guarda caso, lo sarò proprio domani.” rendendo poi la figlia parte essenziale e integrante di questo segreto; a questo punto ha inizio il viaggio della regina del sole, un viaggio che porterà le protagoniste a vivere straordinariamente una giornata come tante.

Lo stratagemma, se così si può definire, utilizzato dalla mamma per passare una giornata con sua figlia è semplice e geniale allo stesso tempo: assistere all’alba e al tramonto di una giornata, possono sembrare cose banali, ma non lo sono affatto, specialmente per coloro che di questo spettacolo non ne possono godere.

La mamma dona a Noga due cose speciali: la prima è sicuramente il dono del tempo che è un tempo speciale, un tempo solo per loro due, fatto di complicità, dove la relazione è forte e significativa; il secondo dono è quello dello stupore: la possibilità di incantarsi e sorprendersi davanti a spettacoli naturali dati quasi per scontati nella quotidianità.

IMG_8538

Meravigliarsi e suscitare la meraviglia delle cose semplici, che ogni giorno ci scorrono accanto, spesso inosservate, credo sia davvero la chiave per arrivare alla felicità; credo proprio sia un grande dono ed insegnamento da tramandare ai nostri figli, perché saper trovare il bello e il buono nelle cose di tutti giorni, ci permette davvero di essere principesse, regine e re delle nostre vite.

Il libro si presenta con un formato quadrato abbastanza grande (22,5×22,5 cm circa), la copertina è rigida e leggermente ruvida, così come le pagine al suo interno, di cartoncino di medio spessore e anch’esse ruvide. Le pagine sono tutte bianche e la presenza del colore è data solamente dall’illustrazione posta al centro della pagina.

Le illustrazioni sono davvero spettacolari e particolari: realizzate principalmente con matite colorate, con alcuni tocchi di acquerello in qualche pagina, esse si intrecciano perfettamente alle parole dell’autore. Questa sintonia si ritrova molto nella scelta dei colori che variano dai gialli e rossi, perl’ambientazione diurna, ai neri e i grigi per le parti notturne.

IMG_8540

IMG_8539

La particolarità che colpisce subito di queste illustrazioni è la dimensione: i disegni sono davvero piccoli, ma non per questo mancano di dettagli. Forse non viene posto l’accento sull’espressività dei personaggi, ma piuttosto vengono messi in risalto i loro gesti, facendo emergere la forte relazione che mamma e figlia hanno con la natura ma anche tra loro stesse. Illustrazioni, quindi, molto delicate, adatte ad un occhio attento a coglierne le peculiarità, i dettagli e le sfumature.

IMG_8541IMG_8537

 

“La principessa del sole” è un testo davvero singolare: parole, illustrazioni, colori, tutto concorre a rendere questo libro un viaggio magico nel rapporto tra una madre e sua figli, la sua principessa, un viaggio fatto di meraviglia, di gioco, di complicità e, soprattutto, della scoperta della bellezza della semplicità che c’è in ogni nostra giornata.

IMG_8542

“La principessa del sole” di David Grossman e M. Rovner, ed. Mondadori, 2015.

Annunci

One thought on “La principessa del sole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...