Il teatro… luogo magico

Entro in teatro e ne assaporo il suo profumo.  Profumo di legno, polvere, moquette e sedie imbottite. Ogni teatro ha il suo, ma c’è un qualcosa che li accomuna tutti, penso sia il profumo dell’ arte…

Vado in camerino a cambiarmi e leggo sorridendo firme, date e dediche che altri prima di me hanno lasciato come ricordo sui muri e sui tavoli.

Vado in palco e da lì guardo la platea. Una platea ancora vuota ed illuminata da luci soffuse.

Immagino quante persone si siano sedute su quelle sedie negli anni e quante quella sera se ne siederanno.

Guardo dietro le quinte, quella parte di teatro che solo a noi del “mestiere” è permesso accedere. Ci sono corde, cavi, scenografie di balletti passati, corridoi in cui mi sono persa più di una volta, scale che salgono ad altre sale prove, scale che scendono nel buco del orchestra…

img_7272

Mi sdraio per iniziare a scaldarmi e noto soffitti altissimi con altri cavi, corde e legno.

“Buongiorno… iniziamo” .

Così una giornata del mio magico lavoro inizia, a volte.

Facciamo la lezione per scaldarci e per prendere confidenza con il palcoscenico che ogni volta è diverso: a volte piccolo, a volte non molto regolare e a volte pendente.

Finita la lezione segue quello che in gergo viene chiamato “ambientamento” ovvero si riadattano gli spazi del balletto ai relativi spazi del palco, si provano gli effetti di luce e quei passaggi di danza che sono più difficili e tecnici.

fullsizerender

Tutto questo, nel migliore dei casi, dura un paio d’ore dopodiché i ballerini hanno un’ora di tempo a disposizione per prepararsi.

Un’ora in cui ognuno a modo suo si concentra, si trucca e si pettina.

C’è chi va un momentino al bar a fare uno spuntino, a prendere un caffè, chi fuma una sigaretta, chi ascolta musica, chi si scatta qualche selfie, chi chiama la mamma per un saluto e chi, come me, chiama la tata…

Negli anni mi sono resa conto di aver sviluppato una specie di “rito della preparazione”, gesti che, un po’ per abitudine ed un po’ per scaramanzia, faccio sempre e sempre nello stesso ordine.

Per prima cosa mi pettino: acqua, gel, pettine, lacca. Poi passo al trucco: fondotinta, correttore, cipria, ombretto, matita, fard, mascara e per ultimo il rossetto.

fullsizerender-1

Una volta truccata e pettinata aspetto che venga annunciata la mezz’ora dal Direttore di scena per vestirmi, molto raramente mi vesto prima, sarebbe troppo presto.

Torno in palco per scaldarmi di nuovo un po’ e per ripassare il balletto.

Un quarto d’ora dall’inizio dello spettacolo, il sipario è chiuso ma si inizia a sentire il leggero vociare del pubblico che entra in teatro  ed ecco che incomincia a salire l’adrenalina, quel misto di piacere e paura, quella piacevole emozione a  cui non ci si abitua mai!

Cinque minuti.

Lo scambio degli in bocca al lupo, ultima capatina in bagno e caramella.

Chi è di scena.

Mezza sala. 

Buio. Sipario!

img_7162

“Il petalo cremisi e il bianco” di M. Faber è un romanzo magico come questo luogo. Il mio romanzo preferito letto fino ad oggi. Un romanzo affascinante, intrigante che ti tiene incollato alle sue pagine fino alla fine.

cover
“Il petalo cremisi e il bianco” di M. Faber, Einaudi, 2014

La protagonista è Sugar una prostituta diciannovenne dai capelli rossi affetta da una fastidiosa psoriasi ma nonostante ciò  la più desiderata in città. Michel Faber ci guida tra i vicoli luridi e malfamati di una LONDRA di fine ‘800 seguendo la scalata di Sugar fino alle classi alte della borghesia vittoriana.

Il lettore è costantemente dietro la spalla di Sugar e degli altri protagonisti catturato da una scrittura che ha la magia di ricreare in ogni dettaglio strade, camere, vestiti, cibo, odori e sapori.

Un capolavoro che ho già letto due volte! 

Lucia

Annunci

4 thoughts on “Il teatro… luogo magico

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...