“Mamma, mi racconti…ESTATE” settimana 13/14

L’autunno è ormai alle porte e la nostra rubrica estiva si conclude proprio oggi con l’equinozio d’autunno che segna di fatto l’ingresso nella nuova stagione. Con oggi si conclude, quindi, il percorso di “Mamma, mi racconti… ESTATE”… un lungo e meraviglioso viaggio che ci ha tenuto compagnia durante tutte le settimane estive e ci ha permesso di conoscere personaggi e storie nuove, ma anche di riscoprire testi magari un po’ abbandonati!

Durante le 13 settimane d’estate abbiamo giocato con l’acqua, scoperto la bellezza e la preziosità dei silent book, ritrovato fiabe classiche, ma anche rivisitate, abbiamo superato la paura del buio e dei personaggi fantastici, scoprendo che possono essere anche buffi e stravaganti, abbiamo scovato i doni che nasconde la natura, ci siamo lasciati coccolare da diverse mamme e scherzato coi tanti papà e abbiamo capito l’importanza del valore dell’amicizia!

Ho riflettuto molto sul tema da trattare negli ultimi giorni e finalmente sono arrivata ad una risposta: vorrei lasciare un pezzettino di me a tutti coloro che mi hanno seguito con affetto durante questo viaggio e che ringrazio davvero moltissimo, perciò ho pensato che una restituzione adeguata potesse essere il “The best of Mamma, mi racconti… “.

Devo ammettere che non è stato semplice radunare i dieci testi preferiti di questo anno, anche perché molti di loro erano già comparsi nelle settimane precedenti; in ogni caso, ci sono riuscita ed ecco il riassunto dei testi di questi ultimo periodo di “Mamma, mi racconti… ESTATE”. Ah, dimenticavo una precisazione, l’ordine che ho seguito non è di preferenza!

collage

“Volo via” di Cristina Petit, Valentina Edizioni, 2013. 

71rk-inipql

Carolina, una bambina di 4 anni e un quarto, è follemente innamorata dei suoi lunghi capelli. La mamma di Carolina è sempre di fretta e, ogni volta che accompagna la bambina in piscina, deve fare i conti con i suoi lunghi capelli, quindi, per accelerare i tempi di asciugatura, accende il phon ad alta potenza. Il soffio del phon è così potente che Carolina teme ogni volta di volare via ed un giorno questo accade veramente. Carolina comincia a volare così  fra le nuvole e durante questo viaggio acquisterà una forte consapevolezza. Ora Carolina sa cosa deve fare e prenderà una decisione per lei importante per aiutare la mamma e ricambiare così il suo amore!

 

 

“Mangerei volentieri un bambino” di Dorothée de Monfreid e Sylviane Donnio, ed. Babalibri, 2012.

61hn0opbehl

Ogni mattina, mamma Coccodrillo porta ad Achille delle ottime banane per la sua prima colazione, ma, un bel giorno, ad Achille viene un’idea assurda e irrealizzabile: quella di mangiare un bambino. Tra la disperazione della mamma e gli stratagemmi del papà, riuscirà il nostro piccolo coccodrillo nel suo scopo?

“Sofia la mucca musicista” di Geoffroy de Pennart, ed. Babalibri, 2015.

71epklniozl

Sofia è una mucca che ama la musica, suona il pianoforte e adora cantare. Abbagliata da un bando di concorso decide di tentare la sorte. Sofia parte, quindi, per la città alla ricerca di una orchestra in cui entrare. Riusciranno passione e talento a trionfare sulle amarezze e le difficoltà?

“Gli uccelli” di Germano Zullo e Albertine, ed. TopiPittori, 2013.

71zietr7jl

Un signore con il suo camion rosso va nel deserto per liberare uno stormo di variopintissimi uccelli e, malinconico, li vede andar via. L’uomo si accorge poi di due occhietti che all’interno del camion bucano il buio: un uccellino nero, rimasto indietro. Il camionista condivide con lui il suo pranzo e lo spinge a volare; l’uccellino, infine, ritrova lo stormo che inaspettatamente torna indietro e raggiunge l’omino sulla via del ritorno. Sostenuto dalle zampe degli uccelli l’uomo, vola, realizzando così il suo più grande sogno.

“Il leone e l’uccellino” di Marianne Dubuc, ed. Orecchio Acerbo, 2014.

81wvrhh-rrl

Un leone sta preparando il suo orto in previsione dell’inverno, quando si accorge che da uno stormo si distacca un uccellino che, cadendo a terra, si rompe un’ala. Il leone, con delicatezza e premura, lo soccorre subito e lo cura, ma nel frattempo gli altri uccellini si sono ormai allontanati, così il leone decide di aprire le porte della sua casa all’uccellino e di trascorrere insieme l’imminente inverno. Inizia così la loro amicizia che li porta per tutto l’inverno a condividere il calore del camino, la bellezza del pranzare insieme e la gioia dei giochi sulla neve. Con l’arrivo della primavera l’uccellino deve partire, separandosi così dal leone che, tristemente, riprende la vita di sempre. L’uccellino manca molto al leone, ma chissà cosa accadrà con l’arrivo della primavera?

“Grazieprego” di Pierre Winters e Barbara Ortelli, ed. Clavis, 2011.

91iqxahy50l

Emma è una bambina con dei modi non proprio gentili, soprattutto a livello verbale. Un giorno, in un momento di rabbia, Emma scopre la presenza di un circo speciale all’interno di un albero del proprio giardino. Qui acrobati, clown e animali insegneranno alla piccola Emma “le buone maniere”. Una deliziosa storia, con magiche illustrazioni, per imparare ad avere rispetto e a essere gentili con gli altri.

 

 

Il meraviglioso Cicciapelliccia” di Beatrice Alemagna, ed. TopiPittori, 2015.

91ybhhlbowl

Eddie, una bimba di 5 anni e mezzo dai capelli biondo rossicci, è convinta di non saper fare nulla perché circondata da familiari di grande talento. Una mattina scopre dalla sorella che presto sarebbe stato il compleanno della sua mamma, così si mette subito alla ricerca di un regalo speciale e pensa che questo dono dovrà essere qualcosa di strano e particolare… un “Cicciapelliccia” per esempio. Eddie riuscirà a consegnare questo regalo davvero speciale e unico alla mamma?

 

 

“Il compleanno del signor Guglielmo” di Anaïs Vaugelade, ed. Babalibri, 2014.

614t1szbj5l

Oggi è il compleanno del signor Guglielmo che, come tutti gli anni, va al ristorante a festeggiare con una scorpacciata del suo piatto preferito. Cammin facendo, si uniscono un sacco di amici tra i quali anche un lupo affamato. I festeggiamenti del compleanno del signor Guglielmo si concluderanno in modo speciale!

“Bee bee la pecora astuta” di Mark Sommerset e Rowan Sommerset, Valentina Edizioni, 2015.

714dn-aouol

La piccola Bee Bee, una pecora astuta e un po’ dispettosa, si stava annoiando, quando arrivò il tacchino Tontolino. Impossibile resistere all’idea di fargli uno scherzetto! Bee Bee decide di divertirsi un po’ a scapito del suo amico tacchino, ma attenzione, la vendetta è dietro l’angolo!

“L’albero vanitoso” di Nicoletta Costa, Emme Edizioni, 2004.

alberovanitoso

L’albero Giovanni da piccolo era molto vanitoso e geloso delle sue foglie, visto che viveva in città, circondato da case alte e grigie. Chiunque si appoggiasse sui suoi rami veniva mandato via dall’albero. Nessuno, infatti, gli aveva spiegato che in autunno le sue foglie sarebbero cadute, per poi ricrescere, nuove nuove, a primavera. Una volta chiarito questo fatto, il carattere dell’albero Giovanni è molto migliorato. Ora che è un albero grande e forte, è gentile e disponibile con tutti: uccelli e uccellini, galline, gatti, farfalle e lumache… e… naturalmente… bambini!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...