“Il Signor G.”…credere sempre in se stessi

Quante volte nell’arco della vita ci troviamo davanti a momenti di sconforto, di tristezza e di ripensamenti che in qualche modo dobbiamo affrontare… Già, come la paura dei lupi per i bambini, anche noi adulti dobbiamo imparare a superare le nostre paure, credendo fortemente in quel che si è e lottando per ciò che si crede giusto. Credo che capiti a tutti prima o poi un momento così… un momento in cui ci si sente come sull’orlo di un precipizio, devi saltare, ma non ne hai la forza perché non conosci cosa ti aspetta oltre e hai paura di pentirti di ciò che hai lasciato. E’ proprio così’ che mi sento in questo periodo… pronta a saltare, ma c’è un masso attaccato alla caviglia che mi frena! Dove si trova il coraggio di credere in se stessi e in ciò che si desidera? Come adulti cerchiamo sempre di spronare i bambini ad affrontare le loro paure e li incoraggiamo a credere in loro stessi e nelle loro capacità, ma proprio noi adulti a volte ci caschiamo… Proprio la scorsa sera, Emma ha voluto che le raccontassi “Il signor G.” e, mentre glielo narravo, ho dato una nuova chiave di lettura, più profonda e più significativa.

Il signor G. è un omino buffo e un po’ strampalato e, proprio per questo, attira immediatamente la curiosità e la simpatia di tutti. La storia di per sé è molto semplice: il signor G. abita in un piccolo villaggio nel bel mezzo di un deserto circondato dal silenzio. Un giorno il signor G. decide di piantare un bulbo nel deserto, che – a suo dire – una volta diventato fiore, avrebbe portato un po’ di musica nel deserto e nel villaggio così silenziosi. Gli abitanti del paese lo prendono per pazzo, ma il signor G. crede fortemente in ciò che sta facendo e, con cura e costanza, mette tutto il suo impegno per far crescere il suo fiore. Un bel giorno il fiore del signor G. sboccia e subito tantissimi uccellini arrivano, attirati dal polline del fiore e iniziano a cantare; nasce così il Concerto per mille uccelli e un fiore, in mezzo al deserto e tutti gli abitanti rimangono estasiati dalla bellezza del fiore e dalla musica degli uccellini.

 

Grazie alla sua capacità di elaborare un progetto e di portarlo a termine senza esitare, con costanza e dedizione, “Il signor G.” vuole dirci che dobbiamo credere nei nostri sogni e che, con impegno e un pizzico di follia, si possono coltivare e realizzare i propri desideri, qualunque essi siano, senza timore alcuno.

IMG_6002
costanza e credere nei propri sogni
IMG_6003
I sogni si possono avverare davvero!

La storia del signor G. viene rappresentata con illustrazioni ironiche, giocose e che si avvicinano a quelle dei fumetti, con pochi colori, ma significativi; le parole sono semplici e si  intrecciano alle immagini, andandole a completare.

IMG_6004
Concerto per mille uccelli e un fiore, in mezzo al deserto

Credo che questo testo debba entrare nelle nostre case, affinché i nostri bambini, ma anche noi adulti, possiamo comprendere l’importanza del credere in se stessi e in ciò che desideriamo perché a volte anche i sogni possono diventare realtà!

“Il signor G.” di Gustavo Roldàn, ed. La nuova frontiera

 

Annunci

2 thoughts on ““Il Signor G.”…credere sempre in se stessi

  1. Letto recentemente al Teatro Regio’ in occasione di una festa della scuola Collodi,dove si esibiva una piccola orchestra formata da bambini che suonavano violini,viole,violoncelli e trombe.
    Mi hanno accompagnato nel finale intonando il concerto per mille uccellini.
    Il personaggio del signor G,,mi piace molto,fuori dall’ordinario,tenace,controtendenza, da esempio per tutti: non solo per i bambini.

    Liked by 1 persona

    1. Ciao Patrizia! Che bello ricevere un tuo commento direttamente sul blog 🙂 Chissà come sarà stato bello lo spettacolo… di lettura e musica!!! Anche a me piace molto questo testo e ciò che il signor G. vuole dire a grandi e piccini! Grazie ancora!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...