“L’ombrello Rosso”… diritto al dialogo

In occasione della giornata internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, che ricorre il 20 novembre di ogni anno, non potevo non dare il mio “microcopichino” (come dice sempre mia figlia) contributo. Ogni diritto riportato nel manifesto è importante, ma, considerato lo scopo del mio blog, direi che il diritto al dialogo è quello che calza meglio; diritto al dialogo inteso come diritto ad ascoltare e interloquire… e cosa meglio di un libro offre tutte queste possibilità insieme?

Bastano un cane e un ombrello rosso per dare vita ad un racconto all’insegna dell’avventura e del coraggio: L’ombrello rosso è uno dei silent books che più adoro (almeno fino ad oggi); ogni volta che Emma lo sceglie per una lettura insieme mi rapisce!

Tutto ha inizio con un ombrello rosso, appoggiato al tronco di un albero, e un cane che, incuriosito, si avvicina a questo oggetto… come per magia l’ombrello si apre e trasporta l’animale in un viaggio meraviglioso intorno al mondo.

Essendo appunto un silent book, il ruolo delle immagini è fondamentale e in questo testo sono veramente stupende: a mio avviso, si avvicinano molto a un disegno realizzato con i pastelli e, in alcuni tratti, con acquerelli.

Sono rimasta colpita soprattutto dal fatto che, ogni volta che lo sfoglio per narrarlo, mi accorgo di un particolare nuovo, un elemento dell’illustrazione che prima non avevo colto; di conseguenza anche il mio racconto si arricchisce ogni volta di particolari e dettagli nuovi, dando vita ad una narrazione sempre diversa. In questo modo chi ascolta la storia è attento e si aspetta sempre qualcosa di nuovo, entrando così in dialogo con il narratore, ma anche con il personaggio della storia.

IMG_5934
chi trova l’arco con la freccia dell’indigeno?
IMG_5935
dov’è la balena?

Credo che i silent book rappresentino al meglio il diritto al dialogo, poiché con essi e attraverso di essi entrano in gioco diversi elementi contemporaneamente: la voce, la parola e l’individualità di chi racconta che entra in dialogo, mescolando ed intrecciandosi, con le immagini del testo, ma anche con i pensieri e l’emotività di chi si mette in ascolto.

L’ombrello rosso“di Ingrid & Dieter Schubert, ed. Lemniscaat

Approfondimento  Manifesto diritti naturali , articolo di Gianfranco Zavalloni

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...